LIBRO SU LIBRO \ANNO III\N° 14

 

«E’ sorprendente quanto poco la gente osservi quello che ha intorno».

Grande inizio di puntata con il poeta americano Lawrence Ferlinghetti: un inno alla libertà, una frustata di energia ai pensatori dondolanti, indecisi, obesi e statici. A chi crede che la cultura abiti in collina e nei vicoli giù in basso ce la spassiamo allegri. Indispensabile, in questi anni di pensiero galleggiante, rcuperare la lezione militante di Ferlinghetti, Gregory Corso, Allen Ginsberg. Ferlinghetti, anche pittore, vive a San Francisco, 97 anni a marzo. Il suo nome è legato alla controcultura della Beat Generation, a Ginsberg e al suo Urlo (Howl).  Gestisce ancora la sua libreria City Lights al 261 di Columbus Avenue fondata nel 1953.

lawrence-ferlinghetti
lawrence-ferlinghetti

«Entrare a City Lights è davvero entrare in un negozio per cercare, guardare, anche trovare qualcosa di nuovo che non stavamo cercando, conoscere qualcuno che può suggerirci qualcosa di interessante da leggere. Questa è la vera esperienza di essere un lettore. È molto diverso se sai esattamente quello che vuoi, vai online, clicchi e compri in pochi minuti. Va bene anche quello, ma è molto diverso».

ferlinghetti + allen ginsberg davanti la tomba di Kerouac
ferlinghetti + allen ginsberg davanti la tomba di Kerouac

Letture da Francesco Piccolo, Patrick Modiano e una succosa scoperta: “Quando iniziò il silenzio” di Jessie Ball, editore Baldini & Castoldi: leggetelo, please!

 

Tutti i libri in lettura sono gentilmente forniti dalla libreria genovese “L’Amico ritrovato” in via Luccoli, 98r nel cuore storico della città. Un riconoscente e affettuoso ringraziamento! 

 

Musica jazz con Cecil Taylor, Lennie Tristano, Lee Konitz e e la meraviglia di Bobby McFerrin!

Tristano + Konitz, grande disco
Tristano + Konitz, grande disco

Tristano e Taylor, due fondatori del pianismo jazz moderno a partire dagli anni 50. Diversi, introversi, complessi e profondi, molto noir! Un godere seguire la loro musica, la storia delle loro incisioni. Ascoltare come l’arte dell’improvvisazione parta dal cuore profondo di una cultura musicale che da Bach ad oggi ha saputo crescere contaminarsi e rinnovare il piacere di un ascolto nuovo, creativo, mai stagnante e ripetitivo. Voci d’arte, eterne!

Mauro Paolis \ febbraio 2016