LIBRO SU LIBRO 12/18

Bruno Morchio, Bacci Pagano, una storia da caruggi

Paolo Poli legge un brano dei Promessi sposi, Alessandro Manzoni

Jean-Claude Izzo, Il sole dei morenti, Edizioni e/o, 1999 – foto in copertina –

 

Eccetera musica.

Don’t explain… Billie Holiday, Nina Simone…

 

Mauro Paolis, gennaio 2018

 

LIBRO SU LIBRO \ IV° anno \ 24

Eccovi la registrazione dell’ultima puntata della stagione di LIBRO SU LIBRO con il jazz di Anthony Braxton e noir news! Mauro ringrazia proprio tutti di gran cuore! ARCI Liguria (Walter, Davide, Valeria), tutti i colleghi, volontari di un sogno, gli ospiti, i fonici, il Teatro Altrove e la libreria L’Amico ritrovato.

Karl Ove Knausgard: Min kamp.
Intervista breve a Mario Piaggio, tra letteratura e cinema.
Marina Abramovic, performer tra il corpo e la mente.Marina Abramovich
Il cinema restaurato: il ritorno dei classici.
Mauro Covacich parla di Etty Hillesum morta ad Auschwitz nel 1943.

Marina Abramovic

Marina Abramovic

(Ri)sentiamoci in autunno e, se volete, ascoltate gli altri podcast!

Questa puntata è dedicata a Marina Abramovic ed Enrico Ghezzi
LIBRO SU LIBRO è un’esclusiva inconsapevole di Mauro Paolis.

 

Invexendo – Pontata 3.06

PRESENTA: Bòbbi Bagnara e Bob Lagomarsino TEMA: O Scindico da Neutte. ÒSPITI: Franco Capello (in collegamento telefònico), Luigi Cambiaso. RUBRICHE: Telefonate, Telegiornale. MUXICA: Bòssa figgeu (Natalino Otto), Happy together (Turtles), Mona kin gi xica (Bonga).

LIBRO SU LIBRO – IV° anno – 17

Puntata speciale con un live musicale interamente dedicato a Martina Vinci, voce che è una forza e Fausto Ciapica, fior di musicista! Godiamoci la loro arte, l’entusiasmo e la bravura: sono musicisti, cantanti, compositori e produttori della loro musica!

Martina Vinci

Martina Vinci

“Berlino” è il CD di Martina e contiene brani stupendi: cercatelo, acquistatelo e gustatevi una voce così!

Fausto Ciapica

Fausto Ciapica

Buon ascolto!

 

 

LIBRO SU LIBRO – IV° anno – 14

Seconda delle tre puntate dedicate ai libri in noir presi in prestito dalla Civica Biblioteca Berio, una public library, un possente archivio librario e multimediale a disposizione di tutti i cittadini, un luogo libero e aperto ove recarsi per svago o per studio nel cuore della città.

Vi propongo due volumi in particolare, appena cartellinati e posti a scaffale aperto: Album, espistolario dedicato a Roland Barthes e La conversazione necessaria di Sherry Turkle, sociologa, psicologa e tecnologa statunitense. La Turkle si chiede: “In che modo la tecnologia ci tiene cosí in pugno, cosí strettamente che ci rivolgiamo ai nostri dispositivi digitali anziché alla nostra vita interiore?”. E ancora: “Tra famigliari e amici, colleghi e amanti, finiamo per ricorrere alla comunicazione telematica anziché al confronto personale”.

Per le musiche prendiamo spunto dall’intervista a Majella Stockhausen figlia di Karlheinz per ascoltare due lunghi brani dell’autore tedesco. Alcune delle sue composizioni degne di nota sono una serie di 19 Klavierstücke, Kontra-Punkte per 10 strumenti, la composizione elettronica/concreta Gesang der Jünglinge im Feuerofen, Gruppen per tre orchestre, il solo di percussioni dal titolo Zyklus, Kontakte, il concerto elettronico dal titolo Mikrophonie I, Hymnen, Stimmung per sei cantanti,  Tierkreis, Inori per solista ed orchestra ed il gigantesco ciclo operistico dal titolo Licht.

 

 

Invexendo – Pontata 3.05

PRESENTA: Bòbbi Bagnara e Bob Lagomarsino TEMA: O futuo scindico de Zena: o tòto-candidato ÒSPITI: Franco Capello (in collegamento telefònico), Aristide Lavaggi (o figgio do Professô) de l’Universcitæ de Stanford, Luigi Cambiaso. RUBRICHE: Telefonate, Telegiornale. MUXICA: Chi no cianze no tetta (u Carbun), For your blue eyes (Paul Weed), La grande Bouffe (Philippe Sarde).

Invexendo – Pontata 3.04

PRESENTA: Bòbbi Bagnara e Bob Lagomarsino TEMA:Barçeloña pe Zena: un modello poscibile? ÒSPITI: Franco Capello (in collegamento telefònico), Aristide Lavaggi (o figgio do Professô) de l’Universcitæ de Stanford, Luigi Cambiaso. RUBRICHE: Telefonate, Telegiornale. MUXICA: CULMV (Blindosbarra), Rock and Roll (Led Zeppelin), Ceramiques Guzman (Manel).

LIBRO SU LIBRO – IV° anno – 8

 

Letture da P.D. James, Marosia Castaldi, Giuseppe Berto, etc.

“…essere esserci preparare organizzare scegliere spiegare farsi spiegare andare venire tornare togliere veli mettere veli mettere ali tenerle spiegate non farle spezzare non spezzarsi le braccia le ali la faccia lasciare la strada aprire la strada la porta andare venire accettare cene merende malanni partenze carote zucchini cannoni dolori sorrisi abbracci ripulse abbandoni andare lasciare andare scaldare latte letti cuscini lenzuola anime mani spiegare le vele serrarle gioire morire abbracciare stringere forte lasciare addiare per sempre per tutta. L’eternità. Le case come le madri piangono ridono proteggono tradiscono…” Marosia

 

Musiche

Tete Montoliu

Dave Douglas

Kammerflimmer Kollektief

Kammerflimmer Kollektief

Kammerflimmer Kollektief:

Heike Aumüller
harmonium, synthesizer, vocals, artwork

Johannes Frisch
double bass, low end extemporisation

Thomas Weber
electric guitars & electronic devices, arrangements, loops & edit

Album: Désarroi, Teufelskamin, Cicadidae, Wildling, Absencen, etc.

Kammerflimmer Kollektief

Kammerflimmer Kollektief

Foto di Marosia Castaldi: Copyright © 2017 Nazione Indiana. 

 

LIBRO SU LIBRO – IV° anno – 6

Intervista

a

con

attraverso

sopra

sotto

Sergia Monleone. Primo romanzo “Primo Miraggio”.

Musiche (anche) di Tom Waits e Lalo Schifrin (Durty Harry / Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo!).

(Ciao Elena Dragonetti che passi)

primo-miraggio

primo-miraggio

 

LIBRO SU LIBRO – IV° anno – 4

Letture

L’ultimo rifugio, Imre Kertész

Des mois, Tommaso Landolfi – (Un gatto indimenticabile!)

Travesti, Mircea Cartarescu

Disturbi del sistema binario, Valerio Magrelli

Muslimgaze

Muslimgaze

 Grazie agli amici della libreria <L’amico ritrovato> in via Luccoli, Genova!

 

Musiche di Muslimgaze, Monk, etc.

Muslimgauze, un ensemble “aperto” diretto da Bryan Jones, si inserisce nella scuola delle suite post-psichedeliche, influenzate dalla musica ambientale e dalla musica etnica, con le opere che sforna a getto continuo dai suoi studi di Manchester. La prima, la cassetta Piano Room (Kinematograph, 1982) e` stata seguita da piu` di 140 album nel giro di 18 anni. Jones impiega come materiale grezzo le melodie e gli strumenti (soprattutto percussivi) del Medio Oriente, per quanto elaborati in un mix “industriale” di campionamenti, overdub e manipolazione di nastri. Jones morì di emorragia nel 1999.
(Scaruffi)

 Muslimgauze

Muslimgauze